giovedì 21 gennaio 2010

UNITED NATIONS OF SOUND - 'ARE YOU READY?'

Si chiama United Nations of Sound il nuovo progetto targato Richard Ashcroft, instancabile quanto inquieto ex-frontman dei Verve. Proprio la reunion dei Verve, avvenuta nel 2008 in occasione dell'uscita di 'Forth' aveva dato delle speranze ai fan riguardo un roseo futuro per una delle band più rilevanti del brit-pop. Le cose però, come ben sappiamo, non sono andate bene, nonostante il disco non fosse affatto da buttare. Così, un anno e mezzo dopo, ci ritroviamo il buon Richard impegnato in un altro progetto. A dire il vero, poco si sa di questa nuova band capitanata dal cantante di Wigan, se non che sta per uscire il primo disco di questa formazione, 'Redemption', atteso per marzo. E, cosa più importante, che circola già il video del primo singolo 'Are You Ready?', un inno in perfetto stile '90s completo di coretti e tamburelli che sembra proprio una di quelle hit dal tono elevato, adatte ad aprire i concerti. Notevole il riff di chitarra finale, ma non eccessivamente significativa, almeno ai primi ascolti, appare la canzone in sè. Are you ready to listen?

6 commenti:

Anonimo ha detto...

I due minuti di chitarra e distorsioni finali sono commoventi, smeplicemente commoventi

Met ha detto...

Adoro quest'uomo

Met ha detto...

Ho già detto che adoro quest'uomo? Immaginatevi lui alla voce e Noel alla chitarra...

Luca ha detto...

Mi dispiace, e parla un estimatore di Richard Ashcroft, ma questa volta ha toppato. La canzone è parecchio ripetitiva.."Siete Aspettate"?
..si salva solo con gli ultimi minuti di chitarra.

Andrea ha detto...

Sono d'accordo al 100%,mi sembra debole anche come pezzo da stadio,di quelli che canta il pubblico.Si salva in parte l'assolo(assolo,non riff,che è tutta un'altra cosa!!),con tanto di wah wah,ma comunque già sentito mille volte.Speriamo nell'album e poi,secondo me,al buon Ashcroft sono sempre riuscite meglio le ballate...Complimenti per il sito,davvero interessante!

G. D. ha detto...

Mah insomma, noiosetta e inconcludente questa canzone. Non riesco a capire cosa voglia fare Ashcroft, ma spero di capirne di più nel disco. Per ora rimango dell'idea che i Black Ships di Simon e Nick siano anni luce avanti rispetto a lui.