mercoledì 14 febbraio 2007

RECENSIONI: MIKA - LIFE IN CARTOON MOTION

Su una cosa non c'è dubbio: l'attesa era grandissima. E il pubblico inglese ha dimostrato di aver gradito questo primo disco dell'artista anglo-libanese, che, come riferiamo a parte, è in testa nelle classifiche degli album, dei singoli (Grace Kelly) e del download. Un tris d'assi, che solo i fuoriclasse riescono a centrare. Dicevamo: c'era grande attesa per questo disco, dopo l'uscita di Grace Kelly, di cui abbiamo parlato nel primo post di IndiExplosion. Sia il nostro blog che la stampa specializzata avevano definito Mika un artista con tratti di genialità, vicino a Freddie Mercury a livello vocale e agli Scissor Sisters come stile più generale. Diciamocela tutta: Grace Kelly ci aveva entusiasmato! Grande energia, potenza vocale, cambi di ritmo, originalità. Ci si chiedeva da dove sbucasse questo Mika e da quale cilindro avesse estratto quel pezzo. Il primo ascolto del cd ci ha un po' riportati sulla terra, mostrando quanto sia difficile ripetere per 10 volte un capolavoro. Poi, con più calma, quando ci si toglie dalla testa la grande esplosione di ritmo di Grace Kelly e si giudica più serenamente l'album nel suo complesso, si può dire che non è un disco che farà la storia, non è pieno di straordinari successi, ma è un disco che attesta la nascita di un ottimo artista. Forse per il primo lavoro ha cercato di accontentare un po' tutti, dando un tocco più pop e, in certe canzoni, eccessivamente frivolo. Ci sono però delle oasi di energia ed originalità, che si rifanno molto da vicino alle sonorità degli Scissor Sisters. Con l'aggiunta della voce di Mika, certamente la cosa più bella del disco. Insomma, un disco soddisfacente, che forse ha un po' deluso rispetto al traino del singolo, ma che si fa ascoltare ed è in grado di piacere ad un pubblico abbastanza ampio. da segnalare, oltre a Grace Kelly, la traccia numero 4 "Love Today" (molto vicina agli Scissor Sisters) e, per i nostalgici dei ritmi anni '80, "Relax Take It Easy", davvero bella.

Tutti gridano al nuovo Freddie Mercury, tanto che lo stesso Brian May dei Queen ha esternato pubblicamente il suo apprezzamento. Lui, intanto, con i primi soldi, ha noleggiato il pianoforte del mitico Freddie (citato in Grace Kelly) per incidere una versione acustica dello stesso singolo.

2 commenti:

Fabbra ha detto...

Ora però nn esageriamo....se ritieni Grace Kelly un capolavoro....carina..orekkiabile...diciamo che segue il trend del momento ...Scissor Sisters docet!

fabryd ha detto...

Considero Grace Kelly un piccolo capolavoro di un genere che altri grandi hanno percorso in passato. Freddie Mercury e Scissor Sisters su tutti.