venerdì 26 febbraio 2010

INDIE REPORTAGE - KASABIAN @ESTRAGON (BO) 19-02-10

Riceviamo e pubblichiamo con grandissimo piacere l'ottimo reportage scritto dal nostro amico Met, che ha assistito ad un esaltante live degli immensi Kasabian. Grazie per il prezioso contributo!

"Seconda tappa per i Kasabian in Italia, dopo Milano eccoli a Bologna per una data già annunciata Sold Out. Arrivo all'Estragon alle 9 passate e lo trovo bello pieno; dopo l'interminabile fila al guardaroba il vostro intrepido cronista sfida insulti e occhiatacce ed utilizzando una redditizia tattica raggiunge una buona posizione davanti al fonico, ottima per l'ascolto. Nessun gruppo spalla per questa data, l'attesa è breve e alle 10 e un quarto circa si comincia! La prima canzone è una b-side di Underdog, 'Julie & The Mothman' seguita immediatamente da 'Underdog' stessa. Il pubblico è già carico e partecipe e non risparmia le corde vocali. I Kasabian sono on stage con un chitarrista e un tastierista in più e questo migliora certamente la qualità del live. L'ispirazione agli Oasis è evidente, anche se Sergio Pizzorno sta meno in disparte di Noel Gallagher e un Tom Meighan in gran forma (con nuovo taglio di capelli mi fa notare la mia accompagnatrice) che ricorda molto di più il Dave Gahan dei bei tempi. Parte 'Where Did All The Love Go?' seguita da 'Swarfiga', quindi arriva il momento di scatenarsi e cantare con 'Shot the Runner', 'I.D.', 'Processed Beat' e quindi si ritorna sul nuovo album con 'Take Aim' che a mio parere suona meglio dal vivo; non ci sono pause in questa gran performance. Seguono 'Stuntman' , 'Empire' ed una trascinante 'Fast Fuse'. La tromba iniziale di 'The Doberman' non può non far ricordare i capolavori di Sergio Leone in una citazione (voluta?) molto apprezzata dal sottoscritto. E siamo già ai bis ed al delirio puro : 'Fire', 'Vlad The Impaler' (GET LOOSE GET LOOSE!!!!) ci portano alla conclusione di questo fantastico concerto con 'LSF' cantata in pratica insieme al pubblico. Applausi e saluti più che meritati, l'impressione è che anche i Kasabian abbiano passato una gran serata, impressione più che confermata da una fonte anonima sul bus per il ritorno che dichiara di aver assistito ad un concerto migliore qui a Bologna rispetto che a Milano. In sintesi successo e lodi più che meritate per i Kasabian che si confermano una realtà più che solida del panorama musicale, lasciando i fans accorsi all' Estragon ON FIRE!!"

Met

5 commenti:

Met ha detto...

grazie ragazzi! come sempre è un piacere!

Luca ha detto...

Davvero un bel pezzo! Per qnt riguardo il confronto tra Milano e Bologna, ne ero sicuro. In base alla mia esperienza, i bolognesi sono più "affamati" di musica..

pedro ha detto...

ero presente sia al concerto dei Kasabian a Bologna che a quello degli Arctic a Milano e devo ammettere che la band di Pizzorno mi ha entusiasmato più delle care scimmie. Il concerto è stato trascinante e Meighan ha garantito più presenza scenica rispetto ad Alex Turner. Nota di merito anche a Pizzorno che è stato tecnicamente perfetto. L'unica differenza che è passata tra il concerto dei kasabian e quello degli Arctic è stata la location e la conseguente cornice di spettatori presenti, concludo dicendo che secondo me con l'ultimo disco i Kasabian hanno fatto il definitivo salto di qualità e allo stato attuale non hanno nulla da invidiare ai monkeys!!!

fab ha detto...

Ciao pedro! Intanto complimenti per la splendida doppietta. Sinceramente, ti invidio! La mia opinione sul concerto dei Monkeys che abbiamo visto a barcelona la trovi indietro di qualche post. Non farei un discorso di presenza scenica, ma di stile, essenza, natura delle band. Non vedremo mai Alex saltare e aizzare il pubblico come Tom Meighan è capace di fare. Ma non vedremo Tom cantare con la stessa magnetica intensità di Alex. Sono due band di altissimo livello, il meglio che gente come noi possa trovare al momento. Sugli ultimi album, WRPLA lo reputo un gradino sopra rispetto a Humbug, ma solo un gradino...

Met ha detto...

concordo con Fab! Alex non credo sarà mai uno showman sul palco...ma si fa "perdonare" in altro modo! Kasabian e Scimmie sono per me le realtà migliori in circolazioni dell'indie rock e quelle con più futuro!